Kürtőskalács il dolce camino ungherese

La ricetta del Kürtőskalács dal padiglione dell’Ungheria in Expo

Kürtőskalács il dolce camino del padiglione Ungheria in Expo
Kürtőskalács il dolce camino del padiglione Ungheria in Expo

Il Kürtőskalács è probabilmente il dolce più popolare dell’Ungheria. Nel periodo natalizio, ma in realtà anche durante ogni festa popolare, il Kürtőskalács viene venduto ovunque, nelle pasticcerie, nei bar e nei classici chioschi. Le origini di questo caratteristico grande cannolo vuoto si perdono nella notte dei tempi in Transilvania, regione ora appartenente alla Romania, ma una volta terra ungherese. Non è chiaro se il nome richiami più i camini delle case o i corni da caccia, ma al di là di ogni curiosità etimologica, rimane uno dei dolci più apprezzati di tutta l’Ungheria e anche dell’Esposizione Universale di Milano. Alzi infatti la mano chi in Expo non ha mai assaggiato almeno una volta il Kürtőskalács, facendo la coda al chiosco di fronte al padiglione ungherese. Come resistere a quel profumo così invitante che, camminando sul Decumano, si poteva percepire fino da due o tre padiglioni di distanza?
Expo è ormai terminata da quasi un mese, la buona notizia è che presto sarà possibile riassaggiare il Kürtőskalács all’Artigiano in fiera, ma nel frattempo perchè non provare con una bella ricetta homemade? La versione domestica di questo gustosissimo dolce non è così difficile da preparare e, seguendo le indicazioni della ricetta scritta per noi da Anna, communication assistant del padiglione ungherese, la realizzazione del Kürtőskalács sarà un gioco da ragazzi.
E allora tutti in cucina, ma attenzione, perchè il profumo che si sprigionerà dal vostro forno sarà tale che tutti i condomini del vostro palazzo, nostalgici di Expo, potrebbero mettersi in coda davanti alla vostra porta!

Ingredienti:
per 4 Kürtőskalács di 25 cm circa di lunghezza
500 g farina
250 ml latte
30 g lievito di birra fresco
3 uova
60 g burro
30 g zucchero
cannella in polvere e zucchero di canna per la decorazione

Categoria
: dolci

Difficoltà: medio/facile

Tempo di preparazione: 1 ora oltre a 1 ora per far riposare la pasta.

Preparazione:
1. Diluite il lievito insieme allo zucchero in un po’ di latte tiepido e lasciatelo poi riposare per 5 minuti.
2. Preparate la pasta in modo classico, unendo la farina, il latte, il lievito, 3 rossi d’uovo e 2 albumi, il burro e lo zucchero, fino a ottenere un panetto di pasta omogeneo.
3. Lasciate riposare l’impasto in una ciotola coperta per almeno 1 ora.
4. Dall’impasto lievitato ricavate 4 panetti.
5. Da ogni panetto ricavate una sorta di “pizza tonda”, stendendola con un matterello.
6. Tagliate la pizza tonda a striscioline partendo dal centro e formando una spirale (potete aiutarvi con le rondelle che si utilizzano per tagliare la pizza). Le strisce di pasta devono essere larghe almeno un paio di centimetri e distanziate circa un dito l’una dall’altra.
7. Una volta ottenute queste strisce, ricoprite il matterello con la carta argentata per isolarlo e poi successivamente anche con la carta da forno.
8. Spennellate la carta forno con il burro fuso e avvolgete l’impasto. Partendo da un’estremità della strisciolina appena tagliata, adagiatela sul matterello e arrotolatela, senza sovrapporla, fino a coprire quasi tutto il matterello. Anche se le strisce si rompono, non preoccupatevi, unitele per bene, ottendendo come risultato finale il matterello ricoperto completamente da queste strisce.
9. Poggiate il matterello sui bordi di una tortiera, in cui metterete un filo d’acqua per permettere una cottura non “traumatica”. Mettete in forno, e fate cuocere il vostro Kürtőskalács per 20 min a 220°C con il grill acceso al minimo e avendo cura di girare il matterello ogni 5 minuti per permettere una cottura uniforme.

Dopo la cottura lasciate intiepidire il vostro Kürtőskalács e aggiungeteci esternamente una spolverata di zucchero di canna e un pizzico di cannella oppure altri ingredienti di vostro gradimento quali scaglie di cocco, mandorle grattugiate, cioccolato a scaglie, granella di nocciole o di noci, semi di papavero, etc).

Buon appetito e alla prossima ricetta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *